Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

 

IL REFERENDUM BUFALA DI MARONI

Il referendum Maroni è una colossale truffa politica, per almeno due ragioni:

La prima, è che si tratta di un referendum solo consultivo, che non ha alcun riflesso sull'eventuale procedure per l'ottenimento di una maggiore autonomia regionale: infatti, la procedura è dettata dall'art. 116, 3° comma, della Costituzione che prevede:

"Ulteriori forme e condizioni particolari di autonomia, concernenti le materie di cui al terzo comma dell'articolo 117 e le materie indicate dal secondo comma del medesimo articolo alle lettere l), limitatamente all'organizzazione della giustizia di pace, n) e s), possono essere attribuite ad altre Regioni, con legge dello Stato, su iniziativa della Regione interessata, sentiti gli enti locali, nel rispetto dei princìpi di cui all'articolo 119. La legge è approvata dalle Camere a maggioranza assoluta dei componenti, sulla base di intesa fra lo Stato e la Regione interessata."

Ma anche dallo Statuto della Regione Lombardia, che, all'art. 12 (Consiglio Regionale), prevede:

"3. Spetta al Consiglio Regionale, in particolare:

g) deliberare in merito all'iniziativa e alla conclusione dell'intesa con lo Stato di cui all'art. 116, terzo comma, della Costituzione;"

Come si vede, non è previsto alcun referendum, che, peraltro, non potrebbe servire a nulla visto che lo stesso Statuto regionale lombardo lo ammette solo consultivo, con l'art. 52, e abrogativo, con l'art. 51, ma mai propositivo, come invece cerca di far credere il presidente della Regione agli elettori.

La realtà è che il presidente della Regione, che si ricandida per un nuovo mandato alle elezioni regionali della prossima primavera, cerca di usare il referendum per farsi campagna elettorale.

Infatti, sebbene il Consiglio regionale abbia deliberato di procedere a questo referendum consultivo fin dal 15/02/2015, incaricando il presidente di provvedere a indirlo, lo stesso presidente se lo è tenuto in tasca per due anni e mezzo, fissando la data a ridosso delle elezioni per farsi campagna elettorale a spese dei cittadini.

Quanto costa questo giochino, inutile per la Lombardia e utilissimo alla campagna elettorale di Maroni?

Secondo le stime più prudenti, circa 50 milioni di euro (23 milioni solo per comprare i tablet per il voto elettronico, che sono 23.000, quindi 1.000 euro per ciascun tablet che sarà usato una sola volta e che si può trovare su Amazon a 2/300 euro).

 

La seconda è che, anche volendo per un momento dimenticare l'inutilità legale del referendum, resta che il presidente della Regione ha lanciato una campagna menzognera sulle conseguenze di quella maggiore autonomia regionale che, comunque, non si può ottenere col referendum ma che, se anche la si ottenesse seguendo la procedura corretta, riguarderebbe solo pochissime materie e le modeste risorse relative alle stesse, e cioè quelle previste dalle lettere L, N e S del 3° comma dell'art. 116 della Costituzione, in cui è previsto che siano attribuibili maggiori autonomie su:

l) giurisdizione e norme processuali; ordinamento civile e penale; giustizia amministrativa (limitatamente all'organizzazione dei Giudici di Pace);

n)   norme generali sull'istruzione;

s)   tutela dell'ambiente, dell'ecosistema e dei beni culturali.

Sicuramente mai la tassazione e il riparto della stessa, visto che la lettera E dello stesso 3° comma dell'art. 116 della Costituzione, riserva inderogabilmente allo Stato tutte le competenze in materia di :

e) moneta, tutela del risparmio e mercati finanziari; tutela della concorrenza; sistema valutario; sistema tributario e contabile dello Stato; armonizzazione dei bilanci pubblici; perequazione delle risorse finanziarie;

 

Eppure, il presidente Maroni inganna deliberatamente i cittadini con lo slogan:

 TRATTENERE IN LOMBARDIA IL 75% DELLE TASSE PAGATE DAI LOMBARDI

 tratto dal sito www.lombardiaintesta.com

 75 tasse.jpg - 58.25 kB

e con una serie di altre bufale contenute in un video inviato massicciamente via whatsapp ai cittadini lombardi e riportato anche sulla pagina Facebook "Lombardia in testa" (@maronipresidente)

pagina maroni presidente.jpg - 56.23 kB

 

in cui si propinano agli elettori fandonie del tipo:

 L'obbiettivo è trattenere almeno la metà dei 56 miliardi di tasse che ogni anno i lombardi regalano ai politici della capitale e che non tornano più indietro.

met tasse versione 1.jpg - 51.75 kB

oppure:

 In questo modo la Regione potrà abolire il bollo auto, cancellare i ticket sanitari, tenere al minimo l'addizionale regionale Irpef e togliere l'Irap alle imprese.

Quindi meno tasse e più servizi

meno tasse versione 1.jpg - 56.07 kB

 

 

Basta leggere questi slogan e confrontarli con la legge, oppure confrontare le cifre a fantasia messe in giro da Maroni, per capire che il suo referendum-bufala è solo una colossale e menzognera operazione elettorale, in cui si promettono miliardi di euro che arriveranno mai perchè non possono arrivare, e intanto si spendono 50 concretissimi milioni di euro dei cittadini lombardi.

Per questo l'unica cosa sensata da fare con il referendum-bufala di Maroni è non andare a votarlo, perchè l'unica cosa da fare con le fregature è starne alla larga.

 

STIAMO ALLA LARGA DAL REFERENDUM BUFALA MARONI

 

Milano, 17 settembre 2017

Lorenzo Cinquepalmi
Segretario regionale lombardo del PSI 

http://www.avantionline.it/2017/09/lorenzo-cinquepalmi-il-referendum-bufala-di-maroni/#.Wb_70bJJaos

 

 

 

 

 

 

 

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

L’irresistibile tentazione del “più piccolo ma mio” sembra non abbandonare Renzi.
Invece la sinistra avrebbe bisogno di rielaborare un progetto di fondo ridandosi una missione (Bad Godesberg) e di ritrovare un patto di azione comune (Épinay-sur-Seine).
Se aver perso l’abitudine alla politica ed essersi votato esclusivamente all’amministrazione sembra avere inaridito la capacità del Partito Democratico di elaborare ideali di fondo che non siano di una genericità assoluta, tuttavia non è possibile immaginare una proposta politica di medio e lungo termine a sinistra senza coinvolgere lo stesso Partito Democratico, che rappresenta comunque la maggior parte dell’elettorato progressista.
Occorre allora contribuire a far maturare la consapevolezza che un progetto politico non si costruisce con le decisioni di pancia, dentro cerchie più o meno ristrette e sempre consenzienti, rincorrendo il consenso giorno per giorno con iniziative estemporanee.
Occorre, appunto, riflettere su cosa importanti forze progressiste europee seppero fare a Bad Godesberg e a Épinay-sur-Seine, sulle ragioni e sui risultati di quei passaggi politici, e sull’insegnamento da ricavarne.
Insegnamento che non è certo quello della chiusura, dell’autosufficienza e dell’autoreferenzialità.
Naturalmente, i limiti che il P.D. oggi sembra mostrare nelle capacità di elaborazione della missione politica per la sinistra di domani, sono altrettanto presenti nelle forze della frammentata e rissosa costellazione di partiti e movimenti luccicanti nel cielo della sinistra italiana, primo tra tutti il Partito Socialista.
Quest’ultimo, tuttavia, è forse la forza che più di altre, a prescindere dalle dimensioni e dal peso elettorale, ha al suo interno le risorse culturali per innescare un processo, che sarà certo lento, faticoso e di esito incerto, orientato alla costruzione di una moderna forza politica progressista, partendo però dall’individuazione della missione, da adeguare alla situazione e ai bisogni dei cittadini, partendo da un’analisi convincente degli stessi, per poi arrivare alla forma.
Non sfugge a nessuno che, invece, il destino personale di molto dell’attuale personale politico, dipende invece proprio dalla forma e questo rischia di far passare in secondo piano la sostanza.
L’occasione, per i socialisti, di promuovere un’evoluzione della rappresentanza politica progressista consegue proprio a questo apparente blocco, purché essi sappiano, per primi, accantonare il tema dei destini personali per essere motore dei destini di tutti, ciò che è, a ben vedere, la loro vocazione naturale.

Lorenzo Cinquepalmi
Segretario regionale Psi della Lombardia

 

http://www.avantionline.it/2017/06/lorenzo-cinquepalmi-la-missione-della-sinistra/#.WWZudYTyios

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Il Partito Socialista Italiano lombardo esprime soddisfazione per la pronta risposta dello Stato al tragico crollo del cavalcavia di Annone che nei mesi scorsi ha provocato una vittima e messo in grave crisi la viabilità della zona con particolare riferimento ai comuni di Annone e Civate in provincia di Lecco. 

A confermare la buona notizia dell'avvio a luglio della procedura di gara che prevede i lavori ultimati entro la fine del 2018, sono, per il PSI, il  Segretario regionale Santo Consonni e il Segretario provinciale lecchese che si erano rivolti al sen.Riccardo Nencini, Viceministro alle Infrastrutture e Segretario nazionale PSI, per rappresentare le ragioni della straordinaria urgenza di un rapido intervento. 

Il Segretario provinciale Psi arch. Maurizio  Corbetta, Amministratore locale che ben conosce la realtà essendo stato anche assessore della provincia di Lecco e che aveva raccolto e rappresentato l'appello dei sindaci di Annone e Civate, conta di invitare a breve il Viceministro Nencini nei comuni interessati dagli interventi. Sarà l'occasione per visionare nel dettaglio il crono programma ed esprimere direttamente l'apprezzamento per una risposta che è stata senza dubbio all'altezza della gravità dell'evento. 

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Il 27 maggio 2017 si è tenuto in Milano, presso l'Hotel Concorde in Viale Monza, 132, il Congresso Regionale del Partito Socialista Italiano, alla presenza del Segretario politico nazionale Riccardo Nencini. Sono intervenuti tutti gli aventi diritto, a eccezione del delegato di Sondrio che non ha potuto raggiungere la sala per un impedimento sopravvenuto.

Hanno preso la parola, nell'ordine: il Segretario regionale uscente, Santo Consonni, il candidato Segretario regionale Lorenzo Cinquepalmi, il Segretario politico nazionale Riccardo Nencini, il Segretario provinciale di Milano Mauro Broi, il Segretario provinciale di Bergamo Francesco De Lucia, il Segretario provinciale di Milano Michele Chiodarelli, il delegato di Pavia Paolo Romeo, il delegato di Milano Enzo Ranieri, il delegato di Milano Giacomo Forcella, il delegato di Milano Calogero Maggi, la parlamentare Pia Locatelli.

 

All'esito della discussione, il Congresso, con voto unanime, ha eletto tutti i suoi nuovi organismi:

 

Segretario regionale                                                     Lorenzo Cinquepalmi

 

Presidente del Consiglio regionale del Partito             Calogero Maggi                      (Fed. Milano)

 

Consiglio regionale del Partito                                     Francesco De Lucia               (Fed. Bergamo)

                                                                                     Carlo Bonetalli                        (Fed. Bergamo)

                                                                                     Giuseppe Taetti                      (Fed. Brescia)

                                                                                     Marco Rota                            (Fed. Brescia)

                                                                                     Silvia Profili                            (Fed. Brescia)

                                                                                     Laura Chiarelli                        (Fed. Brescia)

                                                                                     Pasquale Rocca                     (Fed. Como)

                                                                                     Paolo Grassi                          (Fed. Como)

                                                                                     Paolo Carletti                         (Fed. Cremona)

                                                                                     Ernesto Boccasasso              (Fed. Cremona)

                                                                                     Armando Pigozzo                   (Fed. Lecco)

                                                                                     Maurizio Corbetta                   (Fed. Lecco)

                                                                                     Giancarlo Volpari                   (Fed. Lodi)

                                                                                     Andrea Caserta                      (Fed. Lodi)  

                                                                                     Stefania Guerreschi               (Fed. Mantova)

                                                                                     Mariagiulia Longhini               (Fed. Mantova)

                                                                                     Emanuela Zanoni                   (Fed. Mantova)

                                                                                     Sergio Beschi                         (Fed. Mantova)

                                                                                     Luca Bonsignore                  (Fed. Mantova)

                                                                                     Marzio Uberti                          (Fed. Mantova)

                                                                                     Mauro Broi                             (Fed. Milano)

                                                                                     Galdino Cassavia                   (Fed. Milano)

                                                                                     Antonino Cro                          (Fed. Milano)

                                                                                     Antonio Follador                     (Fed. Milano)

                                                                                     Giacomo Forcella                  (Fed. Milano)

                                                                                     Luigi Fusto                              (Fed. Milano)

                                                                                     Massimo Parlato                    (Fed. Milano)

                                                                                     Enzo Ranieri                           (Fed. Milano)

                                                                                     Rosario Russotto                    (Fed. Milano)

                                                                                     Angelo Scozia                        (Fed. Milano)

                                                                                     Andrea Vanini                         (Fed. Milano)

                                                                                     Giuseppina Biuso                   (Fed. Milano)

                                                                                     Angelo Ravelli                        (Fed. Milano)

                                                                                     Maurizio Carioni                     (Fed. Milano)

                                                                                     Daniela Musazza                    (Fed. Milano)

                                                                                     Valter Casale                          (Fed. Milano)

                                                                                     Giuseppe Placcanica             (Fed. Milano)

                                                                                     Luisa Daniele                          (Fed. Milano)

                                                                                     Luigi Sala                                (Fed. Monza-Brianza)

                                                                                     Alfredo Rota                           (Fed. Monza-Brianza)

                                                                                     Edoardo Alfassio Grimaldi     (Fed. Pavia)

                                                                                     Paolo Romeo                         (Fed. Pavia)

                                                                                     Ermanno Simonini                 (Fed. Sondrio)

                                                                                     Walter Bongio                         (Fed. Sondrio)

                                                                                     Filippo Proto                           (Fed. Varese)

                                                                                     Gianbattista Giannotto           (Fed. Varese)

 

Partecipano di diritto alle sedute:                                 Pia Locatelli                            Parlamentare

                                                                                     Federico Parea                      Segreteria nazionale

                                                                                     Michele Chiodarelli                 Segreteria nazionale

                                                                                    

 

Tesoriere regionale                                                      Antonio Follador                     (Fed. Milano)

 

Commissione regionale di Garanzia                            Livio Donadoni                       (Fed. Bergamo)

                                                                                     Riccardo Pennati                   (Fed. Brescia)

                                                                                     Walter Casale                         (Fed. Milano)

                                                                                     Emiliano D'Oronzo                 (Fed. Milano)

                                                                                     Luciano Biscella                     (Fed. Varese)

 

Revisori regionali dei conti                                           Antonio Concina                     (Fed. Milano)

                                                                                     Marco Petruzzella                  (Fed. Milano)

                                                                                     Gaetano Vultaggio                 (Fed. Milano)

 

Completata l'elezione degli organi di competenza del Congresso regionale, il neoeletto Consiglio Regionale si è riunito sotto la presidenza del neoeletto Presidente Calogero Maggi e ha eletto, con voto unanime, la Direzione regionale del Partito, nelle persone di:

 

Direzione regionale                                                      Francesco De Lucia               (Fed. Bergamo)

                                                                                     Marco Rota                            (Fed. Brescia)

                                                                                     Paolo Grassi                           (Fed. Como)

                                                                                     Rossella Pera                         (Fed. Como)

                                                                                     Paolo Carletti                          (Fed. Cremona)

                                                                                     Armando Pigozzo                   (Fed. Lecco)

                                                                                     Giancarlo Volpari                   (Fed. Lodi)

                                                                                     Michele Chiodarelli                 (Fed. Mantova)

                                                                                     Sergio Beschi                         (Fed. Mantova)

                                                                                     Galdino Cassavia                   (Fed. Milano)

                                                                                     Antonino Cro                          (Fed. Milano)

                                                                                     Enzo Ranieri                           (Fed. Milano)

                                                                                     Rosario Russotto                    (Fed. Milano)

                                                                                     Angelo Scozia                        (Fed. Milano)

                                                                                     Andrea Vanini                         (Fed. Milano)

                                                                                     Giuseppina Biuso                   (Fed. Milano)

                                                                                     Paola Ghiringhelli                   (Fed. Milano)

                                                                                     Silvio Brienza                         (Fed. Monza-Brianza)

                                                                                     Carlo Pizzi                              (Fed. Pavia)

                                                                                     Ermanno Simonini                 (Fed. Sondrio)

                                                                                     Filippo Proto                           (Fed. Varese)

                                                                                                                                   

Completata l'elezione della nuova Direzione regionale, la stessa si è riunita sotto la presidenza del neoeletto Segretario regionale Lorenzo Cinquepalmi e ha eletto, con voto unanime, la Segreteria regionale del Partito, che risulterà quindi composta da:

 

Segretario regionale                                                     Lorenzo Cinquepalmi             (Fed. Brescia)

Vice Segretario Regionale                                           Massimo Parlato                    (Fed. Milano)

                                                                                     Francesco De Lucia               (Fed. Bergamo)

                                                                                     Giuseppe Taetti                      (Fed. Brescia)

                                                                                     Mauro Broi                             (Fed. Milano)

                                                                                     Giacomo Forcella                  (Fed. Milano)

                                                                                     Luigi Fusto                              (Fed. Milano)

                                                                                     Elisa Ratti                               (Fed. Monza-Brianza)

                                                                                     Edoardo Alfassio Grimaldi     (Fed. Pavia)

 

Partecipano di diritto alla sedute della Segreteria regionale:

 

Presidente del Consiglio regionale del Partito             Calogero Maggi                      (Fed. Milano)

Tesoriere regionale                                                      Antonio Follador                     (Fed. Milano)

Parlamentare                                                               Pia Locatelli                            (Fed. Bergamo)

Membro della Segreteria nazionale                             Michele Chiodarelli                 (Fed. Mantova)

Membro della Segreteria nazionale                             Federico Parea                      (Fed. Milano)

 

 

I lavori si sono conclusi alle ore 13:30

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

In allegato prospetto completo dei nominativi indicati per le Commissioni Congressuali provinciali che dovranno essere approvate dalla Commissione Congressuale Regionale.

Attachments:
Download this file (CommissioniAssembleeProvinciali.pdf)Commissioni[Commissioni Congressuali Provinciali]109 kB